la ricetta della variante rustica e aromatica

Immagine

ingredienti

Zucchero semolato o di canna

La pasta frolla alle mandorle è una delle tante varianti della ricetta classica, un impasto base facile e veloce da realizzare, perfetto per conferire aroma e gusto peculiare a crostate farcite, biscotti e tartellette alla crema.

Per confezionarla, ti basterà miscelare la farina di mandorle con quella di grano tenero, disporre le polveri a fontana su un piano di lavoro insieme allo zucchero semolato, e incorporare poi le uova, il burro morbido a tocchetti e un pizzico di lievito. Una volta formato un panetto liscio e omogeneo, non ti rimarrà che farlo riposare in frigo per una mezz’ora, avvolto con un foglio di pellicola trasparente, e utilizzare quindi a piacimento la frolla per le preparazioni dolci più svariate.

Dalla consistenza rustica e dal profumo inconfondibile, la frolla può essere preparata con una farina di mandorle già pronta o fatta in casa con i nostri consigli. In quest’ultimo caso, se non hai a disposizione un cutter dalle lame potenti, ti suggeriamo di trasferire la frutta secca in freezer per un paio d’ore e di passare poi al setaccio il trito ottenuto: così facendo le mandorle pelate non si surriscalderanno e otterrai uno sfarinato sottile.

Scopri come preparare la pasta frolla alle mandorle seguendo passo passo procedimento e consigli. Se ti è piaciuta questa ricetta, prova anche la pasta frolla alle nocciole e quella senza glutine.

Come preparare la pasta frolla alle mandorle

Miscela sul piano di lavoro la farina di mandorle con quella di grano tenero, già setacciata con un pizzico di lievito 1.

Unisci lo zucchero semolato, disponi le polveri a fontana e rompi al centro le uova 2.

Aggiungi il burro morbido a tocchetti 3.

Lavora velocemente gli ingredienti con la punta delle dita 4.

Prosegui quindi a impastare con le mani fino a ottenere un panetto morbido e omogeneo 5.

Forma una palla, avvolgila con un foglio di pellicola trasparente e fai rassodare in frigo per 30 minuti. Trascorso il tempo di riposo, la pasta frolla alle mandorle è pronta per essere utilizzata 6.

Consigli

Noi abbiamo addizionato l’impasto con un pizzico di lievito in polvere, ma se desideri un guscio di frolla più friabile e meno morbido ti basterà ometterlo dalla ricetta.

Per una resa più aromatica puoi profumare la preparazione con la scorza grattugiata di un limone o di un’arancia, un pizzico di cannella, i semi di una bacca di vaniglia o una fialetta di estratto di mandorle.

A piacere, puoi cimentarti con una variante scura unendo del cacao amaro in polvere mentre, per una consistenza ancora più rustica, puoi utilizzare una farina di mandorle più grossolana e sostituire poi quella di grano tenero con una di tipo 0.

Conservazione

La pasta frolla alle mandorle si conserva in frigo, avvolta con un foglio di pellicola trasparente, per 1-2 giorni massimo.





Sorgente ↣ :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*