HP EliteBook 840 G3 14 pollici 1920 x 1080 Full HD Intel Core i5 256 GB SSD disco rigido 8 GB memoria Win 10 Pro MAR Bluetooth Webcam Notebook Laptop Ultrabook (rigenerato)


Prezzo: 217,00€ - 203,00€
(as of Jun 20, 2024 05:05:22 UTC – Details)



Modello: HP EliteBook 840 G3.
Numero modello: W4Z96AW#ABD.
Design: Premium Notebook – Ultrabook – Laptop – 14 pollici
Denominazione: HP EliteBook 840 G3 14 pollici 1920 x 1080 Full HD Intel Core i5 256 GB SSD hard disk 8 GB di memoria Win 10 Pro
Categoria:IT rinnovato – Dispositivo utilizzato – Riflettore Leasing testato
Condizione: 1 scelta, rinnovato professionalmente (rigenerato, rigenerato), tecnicamente perfetto, testato, pulito, graffi e segni di usura sul coperchio della cassa.
Colore: argento e nero.
Schermo: 14 pollici Full HD LED TFT, antiriflesso, risoluzione 1920 x 1080 pixel, 16:9.
Processore: Intel Core i5 6300U 2x 2,40 GHz, fino a 2x 3,00 GHz.
Hard-Disk SSD da 256 GB (M.2)
Memoria principale: 8 GB DDR4.
Drive : senza unità ottica poiché Ultrabook è possibile integrare in qualsiasi momento con un drive esterno
Rete: Gigabit Ethernet LAN
LAN wireless: W-Lan 802.11 AC.
Bluetooth: sì.
Webcam: sì.
Lettore di schede: sì.
Interfacce: 2 USB 3.0, 1 USB 3.1 (tipo C), 1 VGA D-Sub, 1 DisplayPort, 1 Audio E/A, 1 Kensington Lock, 1 Dockingport.
Contenuto della confezione: tastiera protetta dagli spruzzi d’acqua, dispositivo come descritto con alimentatore di rete, cavo di alimentazione, batteria
Software : Microsoft Windows 10 Pro 64 bit con nuova licenza MAR – preinstallato e completamente configurato (licenza originale Microsoft Authorized Refurever)
Garanzia : 12 mesi di garanzia
Nota : marchio di qualità ad un prezzo imbattibile di it-versand-com.
Osservazione: prezzo top ✔ qualità top ✔ spedizione rapida ✔ 30 giorni diritto di restituzione
Sicurezza e assistenza – 24 mesi di garanzia tramite il rivenditore FURBIFY. Dispositivo usato generalmente revisionato, rinnovato, rinnovato, testato e pulito, tecnicamente perfetto, buone condizioni ottiche.

Parolin: “Fermare l’invio di armi in Ucraina? Serve che Mosca e Kiev dialoghino per la pace senza condizioni”

La conferenza di Svizzera per la pace in Ucraina “è stata una cosa utile, certo aveva il limite che è stato rilevato da molti degli oratori di non avere la presenza della Russia. La pace si fa sempre insieme”. Così il segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, a margine dell’evento ‘Colloqui per la pace’ a Palazzo Madama. “Ho sentito, e questo mi è piaciuto, da parte di molti: ‘noi non siamo in guerra con la Russia, ma siamo qui per cercare una via di pace tra Russia e Ucraina’. È una pace, soprattutto, come ho ricordato, con questo aggettivo ‘giusta’ che si fonda sui principi del diritto internazionale e alla stretta adesione alla Carta dell’Onu”. Sugli appelli inascoltati del Papa per fermare lo stop della proliferazione delle armi “ci sono grandi interessi economici in gioco. Quando sono quelli i criteri che guidano anche le persone e che guidano i gruppi e i governi, è logico che il Papa può giustamente invocare uno stop alla proliferazione delle armi ma certamente questo appello non sarà ascoltato. Comunque – spiega Parolin – il Papa è coraggioso perché continua ad insistere, questo è un tema su cui batte e ribatte e speriamo che un po’ alla volta riesca a fare breccia. Poi c’è il discorso che ci si arma perché non c’è fiducia nel vicino”. Poi Parolin, in merito alle forze politiche che si interrogano se debbano continuare a mandare armi in Ucraina e se questo rallenti o no il processo di pace, ha detto: “Dico che l’unica maniera per risolvere questo problema è mettersi insieme e cominciare a parlarsi senza condizioni. Allora in quel momento si potrà fermare anche l’invio delle armi. Secondo me c’è un passo precedente che è proprio quello di riuscire ad avviare negoziati tra le due parti anche magari in forma discreta e riservata. Ma che le due parti comincino a parlarsi”. Quindi anche Putin è invitato al tavolo? “Certamente. La pace si fa tra loro due, altrimenti se non c’è uno dei due non c’è la pace”.

L’articolo Parolin: “Fermare l’invio di armi in Ucraina? Serve che Mosca e Kiev dialoghino per la pace senza condizioni” proviene da Il Fatto Quotidiano.



Sorgente ↣ :

Quante fette di cocomero si possono mangiare al giorno: benefici e controindicazioni dell’anguria

Il cocomero, o anguria, è un frutto che fa parte della famiglia delle piante Cucurbitaceae. Composto al 90% da acqua, il cocomero è ricco di proprietà benefiche: drena i liquidi in eccesso e depura l’organismo.

Immagine

L’anguria, o cocomero, è un frutto che fa parte della famiglia delle piante Cucurbitaceae, che provengono dall’Africa. I due termini utilizzati per indicare questa frutta estiva indicano la stessa cosa: si tratta semplicemente di due modi diversi per riferirsi allo stesso alimento. Il frutto è rosso, anche se non è raro trovarlo di colore giallo o bianco a seconda della tipologia, con tanti semi neri o bianchi. Il cocomero a polpa gialla è una delle 1200 tipologie di piante sparse nel nostro pianeta. Costituito al 90% da acqua, il cocomero è ricco di zucchero, soprattutto il fruttosio, e anche di vitamine A, B e C: quest’ultima, insieme al potassio, depura l’organismo e lo libera dalle tossine. Il periodo in cui si consuma è quello estivo, tendenzialmente da maggio a settembre. Alcuni studi scientifici, poi, hanno approfondito cosa succede quando mangiamo l’anguria, evidenziandone possibili miglioramenti della funzione erettile.

Le proprietà nutritive del cocomero

L’anguria fa parte di quei frutti che dissetano e rinfrescano l’organismo essendo ricchi d’acqua. Povero di calorie (16 kcal per 100 grammi di cocomero), l’apporto nutritivo del cocomero sono scarse vista la grande quantità d’acqua in questo frutto. Contiene, infatti, 0,4 grammi di proteine e 0,2 di fibre. Tuttavia, essendo ricco di vitamine e sali minerali, tra cui il magnesio, il potassio e il fosforo, ha numerosi benefici, soprattutto in estate con l’arrivo delle alte temperature e per coloro che vogliono perdere peso.

Immagine

I benefici dell’anguria: a cosa fa bene

La grande quantità d’acqua contenuta nel cocomero comporta numerosi benefici per il nostro organismo. Il cocomero disintossica e drena i liquidi in eccesso, stimolando la diuresi e depurando l’organismo. Proprio vista la grande percentuale d’acqua, il cocomero aiuta le persone che soffrono di ritenzione idrica. Grazie alle vitamine e ai sali minerali di cui è ricca, soprattutto il potassio l’anguria riesce anche a regolare la pressione nel sangue. Proprio i sali minerali aiutano a combattere la stanchezza e l’affaticamento anche nelle giornate particolarmente stressanti. Inoltre, l’alto livello di carotenoidi rende il cocomero un valido alleato nella prevenzione di forme tumorali. Inoltre, il senso di sazietà che l’elevata presenza di liquidi fornisce, rende il cocomero un alimento ideale per le diete ipocaloriche.

Quanti semi di zucca si possono mangiare al giorno: benefici e proprietà

Quanto cocomero mangiare al giorno

Come tutta la frutta, il cocomero può essere consumato tutti i giorni. In particolare, l’anguria, essendo ricca d’acqua e povera di calorie, è uno dei frutti più apprezzati e consumati d’estate. Tuttavia, il cocomero è anche di ricco di zuccheri, soprattutto il fruttosio: per questo bisogna moderarne le quantità senza eccedere. Una porzione ideale di cocomero si aggira sui 150-200 grammi al giorno, da mangiare come spuntino o dopo pranzo.

Immagine

A chi non fa bene: eventuali controindicazioni

Il cocomero, come tutti i tipi di frutta, non ha particolari controindicazioni. Tuttavia, l’anguria è sconsigliata in pazienti che soffrono di emicrania e persone affette da diabete, vista l’elevata percentuale di zuccheri. Inoltre, essendo composto prevalentemente da acqua, il cocomero è poco digeribile e crea spesso un rigonfiamento dello stomaco, dunque non è il frutto ideale per coloro che soffrono di reflusso, gastrite o colite o comunque persone che soffrono di problemi di digestione. Un’altra controindicazione che si potrebbe verificare, infatti, è l’aumento dell’acidità di stomaco, effetto particolarmente sgradito in quei pazienti affetti da problematiche gastrointestinali.





Sorgente ↣ :

Lenovo Thinkpad X260 12.5 Ultrabook Core I5 6300U 2.4Ghz 8GB RAM Ssd Hdmi Wifi Webcam Windows 10 Professional 64 bit Renovado 256GB (Ricondizionato)


Prezzo: 185,00€
(as of Jun 20, 2024 04:03:38 UTC – Details)



Lenovo ThinkPad X260. Tipo di prodotto: Computer portatile, Fattore di forma: Clamshell. Famiglia processore: Intel Core i5, Modello del processore: i5-6200U, Frequenza del processore: 2,3 GHz. Dimensioni schermo: 31,8 cm (12.5″). RAM installata: 8 GB, Tipo di RAM: DDR4-SDRAM. Capacità totale di archiviazione: 240 GB, Supporto di memoria: SSD. Modello scheda grafica integrata: Intel HD Graphics 520. Sistema operativo incluso: Windows 11 Pro. Colore del prodotto: Nero
Processore Intel Core i5 – 6300U
Memoria RAM 8 GB
Spazio di archiviazione 256 GB
Sistema operativo Windows 10 Professional 64Bit

Regeni, la denuncia di Colaiocco: “Testimoni minacciati per non farli venire in Italia”. Ballerini: “Chi parla di collaborazione dell’Egitto mente”

Dopo i continui depistaggi e l’ostruzionismo portato avanti dal regime egiziano di Al Sisi, fin dai primi tentativi di accertare la verità sul sequestro, le torture e l’omicidio di Giulio Regeni, ora dal Cairo si registra un nuovo tentativo di frenare e stoppare il processo in corso in Italia. Imputati sono i quattro 007 egiziani: Usham Helmi, il generale Sabir Tariq e i colonnelli Athar Kamel Mohamed Ibrahim, e Magdi Ibrahim Abdelal Sharif, accusati del reato di sequestro di persona pluriaggravato (mentre al solo Sharif sono contestati anche i reati di concorso in lesioni personali aggravate e di concorso in omicidio aggravato, ndr).

Nei giorni scorsi, come ha raccontato il pm Sergio Colaiocco nel corso dell’udienza prevista nell’Aula bunker di Rebibbia, è emerso come la Farnesina abbia trasmesso ai pm di Roma una nota della Procura Generale del Cairo in cui si afferma che è “impossibile eseguire le richieste di assistenza giudiziaria” per fare ascoltare quattro testimoni egiziani nel processo. Per l’udienza di oggi era stato infatti lo stesso procuratore aggiunto, Sergio Colaiocco, a citare in particolare il sindacalista Said Abdallah, la coordinatrice del Centro per i diritti economici e sociali, Hoda Kamel Hussein, e Rabab Ai-Mahdi, la tutor di Regeni al Cairo, oltre a un teste ‘zeta’ (nome secretato, per ragioni di sicurezza, ndr). Invano, di fronte al nuovo rifiuto del Cairo. La Procura capitolina ha così chiesto alla Corte d’Assise di potere acquisire le testimonianze dei testi “assenti” raccolte nel corso delle indagini.

“Siamo in presenza di persone che non hanno scelto liberamente di non essere qui. Le abbiamo tentate tutte per portare i testimoni. Alcuni hanno riferito di essere stati minacciati e di temere per la propria vita e dei propri familiari”, ha spiegato davanti alla Corte d’Assise Colaiocco. Parlando di un altro ‘fine’, di carattere ‘strumentale’ portato avanti dal Cairo. Ovvero, quello di “bloccare il processo, tentare di impedire che si possano acquisire tutti gli elementi raccolti per pervenire a un esame il più possibile completo della responsabilità dei quattro imputati”.

Nei fatti, un nuovo schiaffo anche a chi, governi italiani compresi, nel corso degli anni fino a oggi ha continuato a parlare di ‘collaborazione’ da parte del Cairo, normalizzando in maniera sempre più evidente i rapporti commerciali, economici e di collaborazione con il regime di Al Sisi. Secondo la legale dei genitori di Giulio Regeni, Alessandra Ballerini, “nonostante tutto l’impegno profuso dalla procura e nonostante le richieste formali che sono state poste in essere dalla Farnesina, è innegabile l’ostruzionismo egiziano che pare a questo punto insormontabile”. E ancora: “Un ostruzionismo che anche per le argomentazioni che abbiamo sentito dal pubblico ministero, è del tutto illegittimo. Quindi il problema è l’ostruzionismo egiziano”. Certo, ha aggiunto, rispetto a chi ha rivendicato negli anni una presunta cooperazione con le autorità del Cairo, “è chiaro che non c’è collaborazione. Chi parla di collaborazione mente“. Parole, quelle su una presunta cooperazione in realtà sempre smentita dai fatti, più volte evocate anche dal governo Meloni, Farnesina compresa.

L’articolo Regeni, la denuncia di Colaiocco: “Testimoni minacciati per non farli venire in Italia”. Ballerini: “Chi parla di collaborazione dell’Egitto mente” proviene da Il Fatto Quotidiano.



Sorgente ↣ :

contro la Scozia finisce 1-1, il gol di Shaqiri è una magia

Svizzera a un passo dagli ottavi degli Europei. Gli elvetici pareggiano 1-1 contro la Scozia e si mettono alle spalle della Germania con 4 punti al secondo posto. Segnano McTominay e Shaqiri.

Immagine

Svizzera a un passo dagli ottavi degli Europei. Gli elvetici pareggiano 1-1 contro la Scozia e si mettono alle spalle della Germania con 4 punti al secondo posto. A passare in vantaggio però sono stati gli scozzesi con il gol di McTominay. Il pareggio però arriva poco dopo con una magia di Shaqiri che con un sinistro a giro mette a segno la palla nella parta alta del palo. Nel finale le due Nazionali ci provano ma non riescono a trovare il gol che sblocca il risultato di 1-1 che chiuderà la partita.

La gioia di McTominay dopo il gol.

La gioia di McTominay dopo il gol.

La magia di Shaqiri fa esplodere lo stadio nel primo tempo

Svizzera e Scozia sapevamo di doversi giocare tutto questa sera in un match che poteva dire molto in chiave qualificazione. Partono subito forte gli scozzesi che passano in vantaggio con il gol messo a segno da McTominay. Tutto nasce da una ripartenza veloce sugli sviluppi di un calcio d’angolo a favore per la Svizzera. Il centrocampista dello United è bravo a ricevere un pallone all’interno dell’area di rigore e calcia in porta. Decisiva una deviazione di Schar che spiazza Sommer e permette alla Scozia di passare in vantaggio.

Pochi minuti e la Svizzera pareggia con un eurogol di Shaqiri. La difesa scozzese sbaglia un facile disimpegno e il retropassaggio errato di Ralston permette all’ex Inter di inventarsi una traiettoria pazzesca. Lo svizzero da fuori area calcia di prima intenzione con un sinistro a giro perfetto e la mette sotto l’incrocio dei pali. La Svizzera ha ancora la possibilità di portarsi in vantaggio prima con Widmer e poi con Ndoye ma senza trovare fortuna. All’attaccante del Bologna viene anche annullato un gol per fuorigioco.

Brutto infortunio per Tierney durante Scozia-Svizzera: fuori in barella con le mani sul volto

L'esultanza di Shaqiri dopo il gol.

L’esultanza di Shaqiri dopo il gol.

Tante occasioni nella ripresa ma il risultato resta inchiodato sul pari

Nella ripresa la Svizzera continua a premere sull’acceleratore e va vicina al gol ancora con Ndoye. Il giocatore del Bologna si libera alla perfezione per il tiro, ma la sua conclusione non è eccezionale ed è bravissimo Gunn a deviarla in angolo. Occasione in cui la Scozia però perde anche Tierney per infortunio. Proprio la Scozia non vuole mollare e reagisce agli attacchi della Svizzera. Cross di Robertson su punizione, colpo di testa di Hanley che si spegne sul palo alla destra di Sommer e occasione enorme mancata.

La Scozia non molla e va vicina al gol poi con McTominay dopo un batti e ribatti in area di rigore. Sul contropiede conseguente la Svizzera trova il gol con Embolo ma l’arbitro annulla per fuorigioco dell’attaccante appena entrato. I due allenatori nel frattempo effettuano diversi cambi per cercare di cambiare l’inerzia della partita ma il risultato non cambia. La Scozia prova a premere sull’acceleratore fino all’ultimo ma al triplice fischio il risultato è 1-1. La Svizzera è a un passo dagli ottavi.





Sorgente ↣ :

HP Notebook 255 G10 Amd Ryzen 3 7320U 4,1Ghz Display 15.6″ FHd,Ram 8Gb Ddr5,Ssd 256Gb Nvme,Hdmi,Wifi,Bluetooth,Webcam,Windows 11 Pro,Office 2021


Prezzo: 449,99€
(as of Jun 20, 2024 03:02:55 UTC – Details)



Hp Amd Ryzen 3 7320U G10 (Fino A 4,1Ghz Frequenza Turbo Max), Monitor Da 15,6″ Antiriflesso Fhd Anti-Glare, Dimensioni (LxPxH)36Cm x 23.6Cm x 1.86Cm- Peso: 1.6Kg – Colore: Grigio. Ram :8Gb Ddr5 – Ssd M.2 Nvme 256 Gb, Scheda Grafica Integrated Radeon Graphics -Tastiera Qwerty Italiana Con Tastierino Numerico – Batteria Lunga Durata agli Ioni Di Litio. Fotocamera Frontale- Connettività Wireless Wi-Fi – Bluetooth – Interfacce: 1xUsb-C, 2x Usb type A, 1 Hdmi 1.4b – 1 Jack Combinato Per Cuffia/Microfono – Caratteristiche Audio Altoparlanti Stereo Audio – 1x Alimentatore Ca, Il Notebook Non Ha Lettore Dvd. Licenza Windows 11 Pro (No Dvd) Già Installato,Office 2021,Antivirus. Offriamo 24 Mesi Di Garanzia Ufficiale Hp (Siamo Partner). In Caso Di Difetto, il Prodotto Viene Controllato e Riparato. Offriamo Massima Sicurezza Al Vostro Acquisto. Il Prodotto è Nuovo, Per Configurare e Testare Il Prodotto, i Nostri Tecnici Provvederanno Alla Prima Accensione Per l’Installazione Del Sistema Operativo, Driver. (Aperto e Richiuso Solo Per Configurarlo). In Caso Di Restituzione Il Prodotto Deve Essere Restituto Con Lo Scatolo Originale In Quanto Rappresenta L’unicità Del Componente Stesso.
Hp Amd Ryzen 3 7320U G10 (Fino A 4,1Ghz Frequenza Turbo Max), Monitor Da 15,6″ Antiriflesso Fhd Anti-Glare, Dimensioni (LxPxH)36Cm x 23.6Cm x 1.86Cm- Peso: 1.6Kg – Colore: Grigio
Ram :8Gb Ddr5 – Ssd M.2 Nvme 256 Gb, Scheda Grafica Integrated Radeon Graphics -Tastiera Qwerty Italiana Con Tastierino Numerico – Batteria Lunga Durata agli Ioni Di Litio.
Fotocamera Frontale- Connettività Wireless Wi-Fi – Bluetooth – Interfacce: 1xUsb-C, 2x Usb type A, 1 Hdmi 1.4b – 1 Jack Combinato Per Cuffia/Microfono – Caratteristiche Audio Altoparlanti Stereo Audio – 1x Alimentatore Ca, Il Notebook Non Ha Lettore Dvd
Licenza Windows 11 Pro (No Dvd) Già Installato,Office 2021, Antivirus. Offriamo 24 Mesi Di Garanzia Ufficiale Hp (Siamo Partner). In Caso Di Difetto, il Prodotto Viene Controllato e Riparato. Offriamo Massima Sicurezza Al Vostro Acquisto.
Il Prodotto è Nuovo, Per Configurare e Testare Il Prodotto, i Nostri Tecnici Provvederanno Alla Prima Accensione Per l’Installazione Del Sistema Operativo, Driver. (Aperto e Richiuso Solo Per Configurarlo). In Caso Di Restituzione Il Prodotto Deve Essere Restituto Con Lo Scatolo Originale In Quanto Rappresenta L’unicità Del Componente Stesso.

Ok del Senato, il ddl cybersicurezza è legge: contro gli hacker misure a costo zero. E c’è la norma per far “spiare” le indagini dal governo

Diventa legge con l’ok del Senato (ottanta sì, tre no e 57 astenuti) il ddl sulla cybersicurezza, presentato a febbraio dal governo e già approvato dalla Camera a maggio. A favore tutto il centrodestra, mentre si sono astenuti Pd, Movimento 5 stelle e Italia viva e l’Alleanza Verdi e Sinistra ha votato contro. Il testo prevede un rafforzamento degli obblighi di sicurezza della pubblica amministrazione contro gli attacchi hacker e un innalzamento delle pene per i reati informatici, il tutto però senza nuovi oneri finanziari per lo Stato. E proprio su questa clausola attaccano le opposizioni: “La cybersicurezza è una forma di difesa essenziale che non può essere affrontata a costo zero. Senza i fondi necessari per promuovere l’uso responsabile dei dispositivi digitali, questo provvedimento rischia di essere solo un elenco d’intenti che possono compromettere gravemente la nostra sicurezza informatica”, ha detto in Aula la senatrice rossoverde Ilaria Cucchi. Lo stesso concetto è stato sottolineato dal 5 stelle Roberto Scarpinato, ex pm antimafia: “Questo ddl è destinato a restare una legge manifesto, perché la clausola di invarianza finanziaria priva i soggetti onerati e obbligati delle risorse minimali – personale qualificato, attrezzature, fondi – per assolvere i nuovi delicati e complessi compiti affidati”, ha denunciato (video). Anche per Walter Verini del Pd la legge è “l’ennesimo provvedimento bandiera: evidenzia i problemi e qualche possibile soluzione, ma rischia di rimanere solo un elenco di misure”.

Nel corso dell’esame alla Camera, poi, è stato approvato un emendamento di Enrico Costa – responsabile Giustizia di Azione – che rischia di trasformarsi in un cavallo di Troia per consentire al governo di controllare le indagini in corso. Si prevede, infatti, che gli ispettori ministeriali, nell’ambito delle verifiche periodiche presso gli uffici giudiziari, debbano controllare anche “il rispetto delle prescrizioni di sicurezza negli accessi alle banche dati in uso”, verificando quindi anche quali accessi siano stati fatti. La novità, ha denunciato il deputato M5s Federico Cafiero de Raho, rischia di causare “un allargamento dell’intervento del ministro della Giustizia sui contenuti dell’attività investigativa”; in Aula al Senato anche la dem Anna Rossomando ha sottolineato che il Guardasigilli “potrà esercitare un potere delicatissimo, entrando direttamente nella segretezza delle indagini in corso”. Respinti, invece, tutti gli altri emendamenti di stampo “garantista” presentati da Costa, che prevedevano, tra le altre cose, il carcere fino a tre anni per chi diffonde informazioni provenienti da accessi abusivi a sistemi informatici, multe fino a ventimila euro per i cronisti che pubblicano intercettazioni citate nelle ordinanze di custodia cautelare e l’estensione del segreto investigativo anche agli atti già conosciuti dalle parti.

L’articolo Ok del Senato, il ddl cybersicurezza è legge: contro gli hacker misure a costo zero. E c’è la norma per far “spiare” le indagini dal governo proviene da Il Fatto Quotidiano.



Sorgente ↣ :

Non ho fatto l’esame di Maturità, mio padre era morto e dovevo aiutare la mia famiglia

Massimo Boldi si racconta. L’attore ha confidato di non avere avuto modo di sostenere gli esami di Maturità. Si vide costretto a lasciare il liceo dopo la morte del padre.

Immagine

Mercoledì 19 giugno al via gli esami di Maturità 2024. Massimo Boldi ha raccontato la sua esperienza. L’attore ha confidato di essersi visto suo malgrado costretto a lasciare il liceo. Ne ha parlato ad AdnKronos: ‘‘Io non ho fatto gli esami di maturità perché ho perso il papà a soli 16 anni e dovetti fare da sostegno alla mia famiglia lavorando“.

Massimo Boldi si vide costretto a lasciare il liceo per aiutare sua madre

Massimo Boldi, in occasione della Maturità 2024, ha raccontato la sua esperienza. Frequentava il liceo a Milano ma dopo la morte del padre ritenne prioritario aiutare la madre rimasta vedova. Così, prese una decisione sofferta ma che reputò inevitabile: Ho dovuto fare la scuola serale lasciando il liceo Cattaneo di Milano per andare a studiare alla scuola d’arte vetrinista Duccio di Buoninsegna dove mi sono diplomato a pieni voti“. La famiglia contava su di lui e lui ha provato a essere un sostegno per loro.

L’augurio agli studenti che stanno affrontando gli esami di Maturità

Massimo Boldi ha confidato che avrebbe voluto fare l’esame di Maturità, ma la sua famiglia aveva bisogno di lui: “Mi sarebbe piaciuto fare l’esame di Maturità però bisogna dire che al giorno d’oggi non è più come ai tempi miei perché sei aiutato tantissimo dalla tecnologia e dall’intelligenza artificiale“. Durante la sua adolescenza, nonostante le responsabilità di cui si era fatto carico, provò a ritagliarsi del tempo per sé coltivando la passione per la musica. Entrò in una band: “Ricordo che all’epoca andavano di moda i Beatles e così iniziai anche a suonare la batteria in un gruppo che si chiamava New Dada“. Quindi ha rivolto un pensiero a tutti coloro che stanno affrontando l’esame di Maturità. Ha suggerito loro di ascoltare la canzone Notte prima degli esami di Antonello Venditti, poi ha dato loro un consiglio colorito: “Tirate fuori i cogl***!“.





Sorgente ↣ :

PC Portatile 14 Pollici, Notebook, Computer Portatile, HP EliteBook 840 G5, i5-8250U, 16GB RAM, 512GB SSD, Tastiera Italiana, Laptop Windows 11 Garanzia 2 Anni (Ricondizionato)(Ultramatte Burgundy)


Prezzo: 419,00€
(as of Jun 20, 2024 02:02:03 UTC – Details)



EliteBook 840 consente di lavorare con stile. La cassa in alluminio ha una finitura argentata minimalista accompagnata dall’elegante logo a barra di HP. Sulla cerniera è presente un logo EliteBook leggermente inciso, mentre nella parte superiore del coperchio è presente una linea grigia che divide il bordo del notebook. Mi piace che la cerniera sia inclinata e conferisce al notebook un aspetto sofisticato rispetto al semplice chassis rettangolare di molti altri notebook aziendali. Quando si apre il notebook, si vede un’elegante tastiera retroilluminata in stile isola con una penna a puntamento. Nell’angolo in alto a sinistra si trova un elegante pulsante di accensione, e sopra una copertura triangolare per gli altoparlanti Bang & Olufsen. Il mento dello schermo è un po ‘spesso, ma è ben proporzionato con i bordi stretti per renderlo seducente.EliteBook 840 dispone di più porte per l’uso aziendale. Sul lato sinistro si trovano uno slot Secure Lock, una porta USB 3.0 con ricarica sempre attiva e un lettore di smart card, sul lato destro una porta USB Type-C con Thunderbolt, una porta HP UltraSlim, una porta RJ45, una porta HDMI, una porta USB 3.0, una presa combinata per cuffie/microfono e una lettura della scheda SIM WWAN. Lui.
Sicurezza e assistenza – 24 mesi di garanzia tramite il rivenditore FURBIFY. Dispositivo usato generalmente revisionato, rinnovato, rinnovato, testato e pulito, tecnicamente perfetto, buone condizioni ottiche.